AttualitàCronacaUltime news

Servizi anticapolarato, tre denunce della Polizia di Stato per sfruttamento del lavoro

CRONACA

Operazione di controllo portata avanti dagli agenti dei Commissariati di Martina Franca e Manduria

 

Nell’ambito dei servizi finalizzati al contrasto del fenomeno del caporalato disposti in ambito provinciale, il gruppo costituito da unità della Squadra Mobile e dei Commissariati di Martina Franca e Manduria, ha denunciato una donna di 39 anni, titolare un azienda agricola, sita in agro di Manduria, il marito, di 41 anni ed il suocero 61enne (quest’ultimo pregiudicato).

Nel corso del servizio svolto congiuntamente a personale dell’Ispettorato Territoriale del Lavoro di Taranto e dell’ ASL di Taranto (SPESAL e Servizio Veterinario) sono stati effettuati controlli presso un’azienda agricola zootecnica in Manduria, contrada “Campofreddo”.

All’interno dell’annesso caseificio, è stata riscontrata, al momento dell’accesso, la presenza di quattro persone intente alla trasformazione del latte in prodotti caseari.

Il controllo, esteso alla masseria attigua e comunicante con il caseificio, ha consentito di identificare due operai, di cui uno di origine rumena e l’altro di nazionalità maliana, che, all’interno delle stalle, erano intenti alla mungitura delle capre. Un terzo lavoratore, sempre maliano, era addetto al pascolo del gregge ed è stato rintracciato poco dopo nei campi  adiacenti.

Dalle dichiarazioni assunte nel corso del controllo, si è avuto modo di accertare che i braccianti svolgevano turni di lavoro giornalieri di 12-13 ore  per l’intera settimana senza beneficiare del previsto riposo, con paghe ben al di sotto dei livelli contrattualmente previsti. Tali elementi unitamente ad altre circostanze hanno da subito fatto evidenziare condizioni di grave sfruttamento.

Peraltro, quattro degli otto lavoranti  erano sprovvisti di regolare contratto di lavoro.

Il successivo sopralluogo all’interno degli alloggi a loro destinati, attiguo alla stalla, ha permesso di rilevare le pessime condizioni igienico-sanitarie degli ambienti, con presenza di muffe ed assenza di servizi minimi per la cura della persona.

Il personale dell’ASL presente sul luogo ha controllato gli ambienti adibiti al caseificio, rilevando numerose violazioni alla vigente normativa in materia di igiene e sicurezza sul lavoro.

L’Ispettorato del Lavoro ha disposto la sospensione dell’attività dell’impresa agricola, per aver impiegato in maniera irregolare il 50% del personale presente in azienda, avviando le procedure per la contestazione delle ulteriori sanzioni previste.

[foto e fonte Questura di Taranto]

 

Agorà Blog

Blog e mensile cartaceo dei trulli e delle cummerse di Locorotondo. Ci occupiamo di attualità, politica, società e tanto altro...

Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro

AGORÀ BLOG ESISTE GRAZIE ALLA PUBBLICITÀ

Abbiamo riscontrato che utilizzi un’estensione “ad-blocker” nel tuo browser per il “blocco delle pubblicità”. La nostra piccola testata giornalistica sopravvive grazie al contributo che ci forniscono le realtà produttive che hanno deciso di fare qui la loro pubblicità.

Se ritieni i nostri contenuti interessanti da leggere, ti chiediamo cortesemente di disattivare il “blocco delle pubblicità” oppure aggiungi “Agorà Blog” alla lista dei siti consentiti.

È molto semplice: basta solo cliccare l’estensione dell’ad-blocker in alto alla tua destra, disabilitandola (ed eventualmente ricaricando semplicemente la pagina web, ma il più delle volte non occorre). Grazie!

il team di Agorà Blog

Powered By
Best Wordpress Adblock Detecting Plugin | CHP Adblock
error: Riproduzione Riservata