Eventi - Cultura

Che cos’è un ammortizzatore per auto e se è necessario sostituirlo

AUTOMOBILI

Un ammortizzatore deve essere sostituito quando il suo comportamento non è più soddisfacente per il proprietario dell’auto

 

L’ammortizzatore per auto è un dispositivo speciale delle sospensioni di un’auto, il cui scopo è ridurre le vibrazioni meccaniche (smorzamento) durante il movimento o assorbirle completamente.

Ruolo e scopo degli ammortizzatori nelle sospensioni dei veicoli

Gli ammortizzatori assicurano una guida morbida e fluida dell’auto e proteggono gli elementi della trasmissione dai carichi derivanti dalla guida su una superficie stradale irregolare. Gli ammortizzatori sono utilizzati come parte dei componenti delle sospensioni insieme a molle, torsioni e molle a balestra.

Costruzione di ammortizzatori

Un ammortizzatore per autovetture è composto da: un’unità di tenuta, una coppa elastica per la sospensione del veicolo, uno stelo con rivestimento resistente all’usura ed elevata purezza superficiale, una valvola di compressione, un anello di tenuta in gomma di alta qualità, un pistone di separazione, un giunto monopezzo vulcanizzato gomma-metallo, un fondo saldato ermeticamente, un liquido e un gas che assorbono gli urti, un bulbo e un pistone.

Tipi di ammortizzatori

Gli ammortizzatori si distinguono in base al loro design:

    • Con camera di lavoro a doppio tubo. Il principio di funzionamento di questo tipo di ammortizzatore è che il pistone, che si trova nel budello del bulbo quando vibra, si muove facendo passare il liquido ammortizzante attraverso speciali canali e spreme una parte del fluido (olio) attraverso la valvola di compressione;
    • Ammortizzatori monotubo. Questo tipo è costituito da un cilindro operativo e da un alloggiamento allo stesso tempo. In questo tipo di ammortizzatore, il liquido e il gas si trovano nello stesso cilindro del pistone. Questo tipo non ha una valvola di compressione come il tipo a due tubi, quindi il pistone svolge tutto il lavoro di controllo della resistenza alla compressione. Gli ammortizzatori monotubo sono più precisi nella loro capacità di mantenere l’auto sulla superficie stradale. Gli smorzatori con una camera di compensazione del gas separata all’esterno dell’ammortizzatore in un serbatoio separato sono anche sotto il nome di monotubo.

Sintomi di guasto dell’ammortizzatore

  1. Aumento dello spazio di frenata del veicolo;
  2. Scarsa risposta dello sterzo;
  3. Rumori di fondo durante la guida;
  4. Rollio del corpo;
  5. Riduzione della sensazione di comfort;
  6. Usura prematura e irregolare dei pneumatici.

Problemi agli ammortizzatori

I puntoni degli ammortizzatori dei veicoli hanno diverse cause principali di guasto: installazione impropria e abuso. I proprietari di auto inesperti spesso dimenticano di stringere il dado, montano le coppe staccabili al contrario, dimenticano di montare i parapolvere, danneggiano l’albero dell’ammortizzatore con le pinze, ecc.

I problemi più comuni riscontrati sono:

    • Rottura dell’asta dell’ammortizzatore;
    • La rottura di una valvola o di un pistone è dovuta all’usura del funzionamento. Un guasto di questo tipo è difficile da rilevare, poiché l’ammortizzatore non perde e le mani oppongono resistenza, ma l’auto oscilla;
    • Crepe o rientranze nella parete del corpo dell’ammortizzatore durante il funzionamento, deformazione dell’asta o del puntone dell’ammortizzatore, distruzione dell’aletta di fissaggio, rottura del silentblock;
    • I parapolvere/paracolpi si rompono;
    • Danneggiamento del fluido dell’ammortizzatore e del gas o sua mancanza a causa di perdite;
    • Puntoni dell’ammortizzatore danneggiati o deformati.

Quando sostituire gli ammortizzatori

Un ammortizzatore deve essere sostituito quando il suo comportamento non è più soddisfacente per il proprietario dell’auto. In questo senso, una buona “cartina di tornasole” è la condizione di un automobilista dopo un percorso di circa 700-800 km. Al volante di un’auto normale, questa distanza non dovrebbe causare un grave affaticamento. Ma con gli ammortizzatori usurati l’affaticamento è inevitabile e piuttosto grave. Infatti, il conducente dovrà sterzare e “prendere” l’auto in continuazione per mantenerne la traiettoria.

Tuttavia, anche un nuovo ammortizzatore non è in grado di fornire le caratteristiche di guida necessarie se viene installato in modo errato.

È buona norma effettuare la diagnosi delle sospensioni ogni 20.000 km. Se durante questo processo si scopre che un ammortizzatore possiede l’80% della capacità di manutenzione iniziale, non c’è da preoccuparsi. Se la risorsa è esaurita, ad esempio del 50%-60%, si dovrebbe iniziare a pensare alla sostituzione dell’ammortizzatore.

Come sostituire gli ammortizzatori

Per la sostituzione degli ammortizzatori, seguire le istruzioni riportate di seguito:

    1. Rimuovere la ruota;
    2. Rimuovete i tubi dei freni, ma non staccateli dai supporti (altrimenti dovrete anche pompare l’impianto frenante in un secondo momento)
    3. Rimuovere i supporti superiori dell’ammortizzatore;
    4. Rimuovere i supporti inferiori dell’ammortizzatore;
    5. Comprimere la molla con gli estrattori (per evitare che scivoli);
    6. Sostituire l’ammortizzatore difettoso con uno nuovo;
    7. Montare ogni componente nell’ordine inverso (verificare che non vi siano crepe nella molla di sospensione)..

È meglio far sostituire gli ammortizzatori da un tecnico esperto per ridurre al minimo il rischio di un’installazione errata ed evitare ulteriori problemi

Fonti di informazione:

Sintomi e cause dei guasti agli ammortizzatori delle auto – autoparti.it

Cosa sono gli ammortizzatori per auto? Informazioni da motori.quotidiano.net

Agorà Blog

Blog e mensile cartaceo dei trulli e delle cummerse di Locorotondo. Ci occupiamo di attualità, politica, società e tanto altro...

error: Riproduzione Riservata