Eventi - CulturaFocusValle d'Itria

DEPENDENCE DAY – Il Teatro contro ogni forma di dipendenza a Martina Franca

TEATRO

Intervento strategico per la promozione e formazione del pubblico “Va’ Dove Ti Porta Il Teatro”

 

Progetto atto a sensibilizzare il pubblico, attraverso spettacoli e laboratori, riguardo la tematica delle nuove dipendenze

presenta

“Hikikomori: il mondo visto da una stanza” di e con Mimosa Campironi e Matteo Vignati

Direzione artistica e coordinamento della rassegna di Marco Bellocchio

Intervento strategico per la promozione e formazione del pubblico “Va’ Dove Ti Porta Il Teatro” inserito nell’ambito delle “Azioni di Valorizzazione della cultura e della creatività territoriale” realizzate a valere sulle risorse FSC Puglia 2014 – 2020 – Patto per la Puglia, Area di Intervento IV, della Regione Puglia coordinato dal Teatro Pubblico Pugliese.

Martedì 23 maggio alle ore 20:45, presso il Piccolo Teatro Valerio Cappelli di Martina Franca, penultimo appuntamento con la rassegna “Dependence Day – Il Teatro contro ogni forma di dipendenza” con lo spettacolo sulla dipendenza dalle nuove tecnologie “Hikikomori: il mondo visto da una stanza” di e con Mimosa Campironi e Matteo Vignati.

Hikikomori: il mondo visto da una stanza

Martedì 23 maggio, ore 20:45

Produzione: Sycamore T Company, Roma
Di e con Mimosa Campironi e Matteo Vignati

SINOSSI Un ragazzo e una ragazza popolano lo spazio teatrale. Isolati uno dall’altra, avranno a disposizione soltanto i loro dispositivi informatici e digitali per interagire. Il fenomeno sociale Hikikomori si trasforma in format spettacolare e performance. Il teatro si mescola ai social, il social alla realtà, la realtà alla fantasia virtuale, in un continuo gioco di specchi in cui alla fine ognuno faticherà a ritrovarsi. Ma anche la virtualità, nonostante tutto, nasconde in sé qualcosa di estremamente poetico e inaspettato…

Dependence Day – Il Teatro contro ogni forma di dipendenza” è una serie di spettacoli che nasce dalla necessità di sensibilizzare il pubblico, più e meno giovane, al tema delle dipendenze, individuando oltre alle forme cosiddette classiche come la droga, il tabagismo e l’alcolismo, anche la tecnologia, intesa come rapporto patologico dell’individuo con i nuovi mezzi tecnologici, la ludopatia, che coinvolge in maniera preoccupante una grossa fetta di popolazione, e le dipendenze affettive, derivanti da relazioni tossiche e che troppo spesso sfociano in violenza di genere.

[Fonte Angela Maria Centrone; foto in evidenza dal Comune di Martina Franca]

Agorà Blog

Blog e mensile cartaceo dei trulli e delle cummerse di Locorotondo. Ci occupiamo di attualità, politica, società e tanto altro...

error: Riproduzione Riservata