Eventi - CulturaUltime news

Il cantautore pirata: Giulio Voce | VIDEO

MUSICA

La magia di una penna forgiata dalle onde del mare

 

Occhi puntati sull’orizzonte che s’infrangono nella mutevolezza del vento, labbra intrise di salsedine e poesia mani vissute e pronte a strimpellare le anime che s’avvicenderanno tra i mille porti nei quali attraccherà. Anima errante che confonde la vita tra musica e parole, Giulio Voce è un pirata gentiluomo capace di dar vita a sfrenate fantasie e a raccontarle sbevazzando uno squisito rhum prendendoci per mano e accomodandoci in abbracci silenziosi dove la luna si presenta con il suo sorrisetto beffardo.

Classe 1986, animo romantico, voce graffiante e un mix di generi musicali che lo vedono spaziare dal folk, al rock fino alla musica dei cantautori italiani. Dalle ballate alla De Andrè, a echi della sfrontatezza gucciniana e charme da vendere, il suo excursus musicale è un viaggio a vele spiegate in mari molto mossi mai piatti. Giulio, riesce a catapultare i suoi ascoltatori in porti popolati da meravigliose sirene che cadenzano danze sensuali per poi passare in scenari incalzanti e incazzati dove l’ispirazione non sopraggiunge canonicamente.

Non convenzionale, sincero, cantore della verità e appassionato suonatore delle corde più intime dell’anima.

Il suo debutto avviene nel 2014 quando pubblica Lithos” in cui intraprende un viaggio come un moderno Ulisse accompagnandoci in atmosfere intime e garbate che scavano nelle stanze dell’anima, nelle pulsioni irrazionali della psiche umana. Calca numerosi palcoscenici e anima le notti capitoline con concerti che profumano di stupore.

È con Terra Bruciata, del 2016, che Giulio diventa fautore di un genere tutto suo in cui riesce a far convergere vari linguaggi, a raccontare la vita dispiegandola come delle vele; riesce a trasportare la realtà illudendoci che sia un’illusione ottica alla quale non ci possiamo sottrarre. Tra boccali di birra, tramonti avvolti nel desiderio, sguardi impastati di acqua salata e sogni; la voce del cantautore rapisce dal primo ascolto e invita a farsi scoprire lentamente. Nel 2019, nasce “Ep Voce” nel quale pulsano atmosfere che hanno la consistenza della fuggevolezza, della molteplicità ed il costante riferimento alla precarietà esistenziale.

Nemmeno il virus è riuscito a frenare la ventata di magia e catarsi della sua penna e della sua voce, l’artista si è ben distinto in varie veleggiate radiofoniche, live Instagram e interagendo con i salotti virtuali tra cui: Librinstreaming di Cinzia Cofano e La Ragazza del Weekend di Ludovica Ottaviani; pronto per proporsi nel format “cantautore a domicilio” sta progettando i suoi live del futuro: intraprendente, bello e dannato conquista persino il primato di togliere la voce alle sirene! Le vele sono spiegate, la rotta è un passo dalla fantasia, perciò puntate gli occhi all’orizzonte:

Giulio Voce è pronto a raggiungere i vostri porti.

[foto pervenuta in redazione da Ufficio Stampa]

Agorà Blog

Blog e mensile cartaceo dei trulli e delle cummerse di Locorotondo. Ci occupiamo di attualità, politica, società e tanto altro...

error: Riproduzione Riservata