Eventi - CulturaUltime newsValle d'Itria

Michele De Giuseppe, a 17 anni scrive campagne per brand dal fatturato di 100 mln

ATTUALITA’

Michele De Giuseppe, giovanissimo consulente di Fasano che a 17 anni scrive campagne per brand dal fatturato di 100 mln

 

Si chiama Michele De Giuseppe, il ragazzo che ad appena 15 anni ha deciso di intraprendere il sentiero del marketing. Un mondo scoperto nel periodo del lockdown, quando per le note vicende pandemiche, il tempo libero aumentava a dismisura. Il primo passo è stato formarsi dai migliori direct marketers americani, ritenuti gli esperti assoluti nella crescita del profitto per piccoli imprenditori e liberi professionisti.

L’occasione è stata utile per ampliare la conoscenza delle lingue straniere come, fra le altre, l’inglese e il francese. Forte delle prime nozioni in questo campo, ha iniziato a misurarsi in prima persona collaborando con personaggi social che assieme vantavano quasi due milioni di followers. Non solo, da 17enne, oltre ad aver co-redatto piani strategici di marketing per aziende pugliesi multimilionarie, ha scritto campagne pubblicitarie per brand di multinazionali dal fatturato di oltre 100 mln l’anno.

Dopo aver rotto il ghiaccio nel settore, si sono presentati i primi clienti del territorio fasanese come, tra gli altri, musicisti, consulenti, associazioni sportive, dentisti, creatori di siti web, gestori di piscine, imprenditori nell’industria spaziale e perfino politici (nella stessa occasione gli è stato proposto di fondare un movimento politico, ma ha declinato l’offerta).

“Da sempre mi affascina il mondo degli imprenditori che, armati di coraggio, cercano di realizzare i propri sogni – esordisce De Giuseppe – Tutto è partito dalle giornate trascorse nella mia vecchia cameretta immerso nei libri e corsi dei migliori direct marketers americani come Dan Kennedy, Jay Abraham e Gary Halbert. Studiando, ho iniziato a comprendere come la chiave del successo per un piccolo imprenditore o libero professionista sia il direct marketing. Il marketing tradizionale, infatti, è sbagliato per un piccolo imprenditore o libero professionista che, avendo un budget esiguo, non può permettersi di sperperarlo. Inoltre, ho anche scoperto che gli attuali “pseudo-consulenti marketing” che popolano il mercato, alla mia età non avevano neanche mai sentito la parola marketing. Sono fiero dei risultati raggiunti finora con i miei clienti da cui, come pubblicato sui miei canali social, sto ricevendo feedback soddisfacenti.”

Agorà Blog

Blog e mensile cartaceo dei trulli e delle cummerse di Locorotondo. Ci occupiamo di attualità, politica, società e tanto altro...

error: Riproduzione Riservata