Thomas Semeraro. Attore internazionale di origini locorotondesi

L’INTERVISTA

Passione, formazione ed impegno lo hanno portato, negli anni, a tagliare importanti traguardi

 

di Anna Lodeserto

 

Locorotondo.

Il piccolo borgo caratterizzato dalla presenza delle Cummerse, dai fiori del centro storico, dalle viuzze strette e pulite. Un piccolo paese apprezzato e conosciuto per le sue bellezze architettoniche, per la posizione strategica ed anche per le eccellenze locali, figli e figlie di una terra che li ama e che amano ed a cui, con la propria professionalità e competenza, regalano e donano importanza e lustro al territorio.

Thomas Semeraro è il protagonista della rubrica Eccellenze Locali, attore internazionale partito da Locorotondo poco più che maggiorenne alla volta di Roma, per costruire una brillante carriera nel mondo cinematografico e televisivo.

Tra poco meno di un mese, l’orgoglio locorotondese, inizierà le riprese del film Vita da Carlo, di e con Carlo Verdone.

“Ho un ruolo in questa nuova pellicola, ed alcune scene le girerò con Carlo Verdone. Un onore per me” – ha timidamente confessato durante l’intervista.

Si tratta di una serie Amazon Original, la cui messa in onda è prevista per l’autunno 2021, prodotta da Aurelio e Luigi De Laurentiis, Filmauro.

Una tragicommedia, come lo stesso Carlo Verdone lo ha definito. Non è un segreto, infatti, che il regista ed attore amato ed apprezzato a livello nazionale sia solito scherzare sulla propria vita, dove è difficile riuscire a tutelare la propria vita privata da occhi tanto indiscreti quanto curiosi.

“Sai – ha dichiarato – mi considero un attore professionale dal 2017, anno in cui fui scelto per un ruolo nella pellicola Loro, con la regia di Paolo Sorrentino e distribuito da Universal Pictures Italia. Ho avuto la fortuna di girare con attori del calibro di Toni Servillo e Riccardo Scamarcio. Naturalmente, non lo nascondo, mi inorgoglisce parlare di questa esperienza perché Paolo Sorrentino è un Maestro, nel vero senso della parola”.

Cosa ti ha spinto ad avvicinarti al cinema?

“Posso affermare con assoluta certezza che non avrei potuto fare altro nella mia vita. Ho sentito che la mia strada era legata al cinema, e che il set era la mia casa. Certamente non è stato facile, ma sentivo che il cinema era la mia strada e per questo motivo iniziai a studiare. Era il 1994 quando mi iscrissi all’Accademia Teatro Azione (a Roma) dove frequentai i corsi tenuti da Cristiano Censi ed Isabella Del Bianco”.

Come è iniziata la tua carriera?

“Sono partito da Locorotondo appena maggiorenne, subito dopo il militare. Ho iniziato con i fotoromanzi, come Cioè e Grand Hotel con cui firmai un contratto in esclusiva. Sono stato per quindici anni un attore di fotoromanzi. Nel 1994 presi parte al mio primo film Anche i commercialisti hanno un’anima, diretto da Maurizio Ponzi, nel cast attori come Renato Pozzetto, Enrico Montesano e Sabrina Ferilli. Nel 2001 fui scelto come protagonista del film d’azione La mafia dei nuovi padrini, diretto da Giorgio Castellani. Inoltre, per dieci anni – ha affermato Thomas Semeraro – ho fatto parte del Gruppo Storico Romano. Ero un gladiatore. Certamente il 2017 e, in particolar modo la pellicola di Sorrentino Loro, è un momento fondamentale per la mia carriera. Infatti – ha continuato – ho lavorato, nel 2019, sul set della serie tv Imma Tataranni – Sostituto Procuratore.

Ed ancora, ho avuto un ruolo nel film Lo spietato, diretto dal regista Renato De Maria, che mi ha dato nuovamente la possibilità di lavorare con Riccardo Scamarcio”.

Vorresti raccontarmi altre tue esperienze professionali?

Con tono di voce gentile, e con estrema disponibilità, ha iniziato nuovamente a raccontare.

“Dove ero rimasto? Appena concluse le riprese del film Lo spietato, sono iniziate le riprese della serie per Sky – Fox, Romolo e Giuly, sul set era con me Francesco Pannofino. Recitavo nel ruolo di Vitantonio Lobascio, capo della Sacra Corona Unita. Concluse queste riprese, ho preso parte al video musicale di Elisa per Save the Children. Il 2019 mi ha consacrato come attore internazionale. Infatti, ho lavorato con il regista Jan Schomburg. Le riprese del film Divine, in onda adesso sulla piattaforma digitale, si sono svolte a Colonia (Germania) in lingua inglese ed è distribuito da Warner Bros. Sai, ho avuto la possibilità di lavorare al fianco di Matilda De Angelis e Callum Turner. Ed ancora. Il film Power of Rome (2019), diretto da Gianni Troilo, uscirà a breve sia nelle sale cinematografiche che su Sky Arte mi ha permesso di lavorare con Edoardo Leo. Vorrei dirti – ha aggiunto – che ho lavorato anche con il regista Herbert Simone Paragnani che ha diretto la pellicola dark comedy Io e Angela, prossima all’uscita nelle sale cinematografiche, e che vanta nel cast attori come Ilenia Pastorelli e Pietro Sermonti.

Nel 2019, inoltre, è andato in onda su tutti i canali Rai, lo spot di RaiPlay di cui ero il protagonista principale.

Ti ricordi la pubblicità della compagnia telefonica Vodafone per Natale 2020? Bene, ero il Babbo Natale siciliano. Avvicinandoci ad oggi, non posso dimenticare di citare il film per il cinema Vecchie canaglie, sul set anche Greg e Lino Banfi”.

Ho notato che alcune pellicole sono state girate nel pieno della pandemia. Come avete lavorato?

“Sai, non è stato per niente facile. Tutti sempre tamponati. I controlli erano molti, ed ognuno di noi si comportava attenendosi scrupolosamente alle regole ed alle disposizioni in vigore. Certamente, sul set durante le riprese non avevamo le mascherine, ma nessun dettaglio per la sicurezza personale ed altrui è stato tralasciato e sottovalutato”.

Se ti dicessi doppiaggio cosa mi risponderesti?

“Eh già. Un altro aspetto della vita professionale. Mi sono avvicinato al doppiaggio meno di un anno fa. Sono un doppiatore sia di cartoni animati che di fiction”.

Locorotondo?

“Eh! Locorotondo è la mia casa. Sono 37 anni che non vivo più lì, ma continuo a sentirmi d’U Curdunn. Sai che giro con l’accento locorotondese? Amo il paese. Mi manca. Ogni giorno penso al mio amato paese. Che dire? È un pezzo del mio cuore”.

Grazie Thomas!

“Grazie a te. Un saluto a Locorotondo ed ai locorotondesi”.

[Nella foto in alto in evidenza, da sinistra verso destra Edoardo Leo e Thomas Semeraro]

 

Agorà

Blog e mensile cartaceo dei trulli e delle cummerse di Locorotondo. Ci occupiamo di attualità, politica, società e tanto altro...

error: Riproduzione Riservata