A Noci il Mondo del Folklore

CULTURA

Una tre giorni dedicata alla tradizione folk con un prestigioso Meeting internazionale

 

Noci è diventata per tre giorni luogo di incontro del Folkore mondiale. Nei giorni 13-14-15 maggio, infatti, sono convenuti a Noci 21 delegazioni straniere da Armenia, Austria, Bahrein, Bulgaria, Cipro, Croazia, Emirati Arabi, Francia, India, Israele, Italia, Olanda, Qatar, Romania, Serbia, Spagna, Turchia, Uzbekistan e Ucraina. Erano presenti, altresì, i presidenti delle Federazioni mondiali IOV International Organization of Folk Art, IGF World Folkore Union, FIDAF Federation of International Dance Festivals e WAPA Worl Association of Performing Arts.

La manifestazione ha avuto il battesimo con l’inaugurazione delle Mostre etnografiche dal titolo “Transumanza, i figli del Minotauro” e “Testimoni del Sud”, il 13 maggio presso il Chiostro di San Domenico in Noci, alla presenza delle autorità locali e regionali.

Nella serata del 13 maggio, presso il Teatro dei Trulli in Alberobello, spazio ad un incontro tra i gruppi folklorici di Noci, Alberobello, Locorotondo, Mottola e San Pietro Vernotico, dal titolo “Promozione del Patrimonio artistico ed Etnografico pugliese”, le cui apprezzatissime esibizioni sono state precedute dalla performance del cantante folk Antonio Amato della Notte della Taranta.

Appuntamento prestigioso, nella mattinata del 14 maggio presso la Sala Consiliare del Comune di Noci, con il Meeting Internazionale “Eredità culturale, impegno comune per trasmettere alle generazioni future un patrimonio di risorse culturali”, che ha visto la presenza del dott. Aldo Patruno, Direttore del Dipartimento Cultura, Turismo e Valorizzazione del Territorio della Regione Puglia e dell’Assessora Comunale, avv. Anna Martellotta, in rappresentanza del Comune di Noci.

Dopo i saluti istituzionali, v’è stato un lungo dibattito, seguito da tutti grazie alla traduzione simultanea, al termine del quale è stato sottoscritto un protocollo d’intesa fra le Federazioni Mondiali presenti, al fine di inaugurare una più stretta collaborazione fra le stesse.

«È stata una giornata indimenticabile per la straordinarietà del Meeting Internazionale del Folklore, tenutosi per la prima volta a Noci. Il folklore, negli usi e nei costumi, ha un grado valoriale inestimabile per un comunità e siamo davvero orgogliosi di essere ben rappresentati dal Gruppo Folkloristico “La Murgia – Don Vito Palattella” quale “Ambasciatore di Pace” nel mondo – ha commentato l’Assessore Anna Martellotta. – L’Amministrazione comunale di Noci è stata vicina al Presidente Onofrio Ritella e a tutto lo staff del gruppo folkloristico locale nell’organizzazione di questo evento, con l’impegno futuro di una più stretta collaborazione, poiché vi è la consapevolezza che il folk, rappresentando l’identità della nostra comunità, è certamente volano di sviluppo e turismo, e per questo motivo deve essere coltivato e stimolato in tutte le sue forme, sia sul nostro territorio e sia all’estero. Ringrazio – continua l’Assessore, – tutte le Federazioni delle Arti e delle Tradizioni Folk partecipanti che hanno scelto Noci quale luogo di scambio interculturale. Un ringraziamento particolare va al Presidente della FITP, Benito Ripoli, uomo dai grandi valori umani, a cui sono grata per aver stretto con Noci una collaborazione molto forte, nonché alla soprana Maria Luigia Martino per averci deliziato con i suoi canti sublimi. È stata un’esperienza che porteremo sempre nel cuore per le emozioni scaturite dal confronto con altre culture così lontane dalla nostra, rese simili dall’essere animate da un unico comune denominatore: la TRADIZIONE! Significative le parole del dott. Aldo Patruno, presente al Meeting, il quale ha invitato a reinterpretare la parola “turista” sotto una nuova luce, ossia come “cittadino temporaneo”».

La sera del 14 maggio, presso il Teatro Cinema dei Trulli in Alberobello si è tenuto il Gran Galà della Manifestazione. Durante la serata sono state premiate quattro persone, per essersi distinte in modo particolare a livello mondiale per la valorizzazione del patrimonio etnografico e per aver promosso politiche di dialogo interculturale.

Dulcis in fundo, nella mattinata del 15 maggio, visita degli ospiti alla settecentesca Masseria Murgia Albanese, nell’agro di Noci, con un piccolo rinfresco e assaggio di prodotti tipici del territorio e vini locali, forniti da Zeroglu di Noci e dalle cantine Marzodd di Noci.

La manifestazione è stata curata dalla Federazione Italiana Tradizioni Popolari e, in loco, dal Gruppo Folklorico “La Murgia – Don Vito Palattella” di Noci e dal Gruppo “Città dei Trulli” di Alberobello.

Gruppo Folklorico “La Murgia – Don Vito Palattella” Noci

Il Presidente Onofrio Ritella

[Foto in evidenza pervenuta da Comune di Noci]

Agorà

Blog e mensile cartaceo dei trulli e delle cummerse di Locorotondo. Ci occupiamo di attualità, politica, società e tanto altro...

error: Riproduzione Riservata