Cimitero comunale. Tra erbacce e manutenzione che fine fa la privatizzazione?

PROGETTO DI FINANZA

È giunto il parere legale favorevole. Costo 4 mila euro! Ok, il nostro sarà pur stato avvilente ma perlomeno era a costo 0…

 

Torniamo ad occuparci del cimitero! Uh che bello… Alla ribalta della cronaca sono balzate, nelle scorse settimane, le vistose condizioni di incuria riguardanti l’intera area: all’asfalto tristemente malandato c’eravamo abituati (un abbraccio agli intrepidi che non desistono dallo sperare) ma persino le erbacce e le piante infestanti hanno fatto il bello e il cattivo tempo nelle aiuole e nei terreni… Ops, la domanda sorge spontanea: ma le pratiche agronomiche previste dal D.M. (anti Xylella) Martina – aratura, trinciatura, potatura e diserbo – riguardano solo i terreni dei privati cittadini? Assolutamente no… Il Comune è stato palesemente colto in fallo e dall’opposizione il commento del 5 stelle Grassi non si è fatto attendere: “Si intervenga nel più breve tempo possibile per ristabilire quelle condizioni di decoro dovute al rispetto dei defunti…”. Ma diamo a Cesare ciò che è di Cesare: come testimoniano gli ultimi sopralluoghi, si è corso ai ripari con le buone pratiche fra cui il diserbo. Beh menomale… “E sì va be’ la manutenzione… ecco perché occorre privatizzare!” potrebbe replicarci il sindaco. In quel caso scontata sarebbe la risposta: il cimitero è in attivo di 40 mila euro annui. In caso di esternalizzazione dei servizi ne sarebbero destinati, per la manutenzione annuale, soltanto 5 mila: un affarone! A proposito, ma dove eravamo rimasti? Ah sì, alle richieste comunali di modifica (unilaterale) della convenzione stipulata con il CRSFA e concerni la variante urbanistica prevista per l’ampliamento privato, rientrante in un’area (particella 1635 del foglio 43) oggetto di finanziamento europeo per la costituzione di un “Campo di Conservazione di Germoplasma Autoctono”. Questa situazione intricata, non a caso, ha spinto il progetto in una fase di standby. Oltre agli intoppi legati alla convenzione (che sia benedetta) con il CRSFA, negli uffici comunali c’era un ulteriore preoccupazione: i fatidici 180 giorni per l’approvazione definitiva, da parte del Consiglio comunale, del progetto di finanza.

Foto di Paese Vivrai

Così hanno tuonato spesso dall’opposizione. Il rischio, inoltre, era legato al pagamento di un’eventuale penale. Ma a tranquillizzare gli animi ci ha pensato la segretaria comunale, dott.ssa Paola Giacovazzo: “I 180 giorni non sono perentori” ha fatto sapere. A darle manforte il parere legale di un avvocato che solennemente ha sancito, in data 4 maggio, il “parere favorevole di regolarità tecnica, contabile e copertura finanziaria”. Costo della parcella: 4 mila euro. Lo diceva sempre mia zia che dovevo fare l’avvocato… Resta il fatto che l’art. 2 – Conclusione del Procedimento – comma 4 della legge 241/90 cita testualmente: “I termini ivi previsti non possono comunque superare i 180 giorni…”. Parere tecnico, quest’ultimo, da “giornaletti” (cit. Tom) ma perlomeno a costo 0.

Antonello Pentassuglia

 

Antonello Pentassuglia

Nato a Martina Franca il 3 gennaio '87. Residente a Martina Franca (non si sa per quanto), segue da non pochi anni le dinamiche politiche di Locorotondo. I casi della vita. Collaboratore del mensile cartaceo Agorà, in quanto fidanzato della direttrice Zelda Cervellera che lo su(/o)pporta costantemente. Il 2° miglior amico - dopo il modello F24 - di Orazio e spalla insostituibile del noto personaggio folcroristico "Zio Paolo". Tifoso della Juve ed appassionato di "anime Japan". Statemi bene!"

error: Riproduzione Riservata