Dimissioni di Coletta? Ancona dice la sua…

MARTINA FRANCA

Il sindaco: “Le questioni poste in essere nella lettera di dimissioni meritano una attenta e responsabile analisi da parte degli organi politici”

 

 

E’ trascorsa una settimana dalle annunciate ed ormai arcinote dimissioni, da vicesindaco di Martina Franca, di Stefano Coletta (leggi qui).  Sette giorni in cui si sono susseguite prese di posizione dei consiglieri di maggioranza, ex colleghi di giunta (vedi l’ass. ai Lavori Pubblici, Palmisano) e dalla stessa segreteria cittadina del Pd. A questo punto, non rimaneva che attendere la risposta del primo cittadino Franco Ancona reo – testuali parole dell’ex vicesindaco – di aver accettato supinamente il burocraticismo esasperato di un dirigente comunale (cit.) e di una scarsa riconoscenza. A mente fredda il sindaco stamane ha rilasciato, dal suo account Fb, le seguenti dichiarazioni in maniera chiara anche se con espressioni fin troppo compassate… Sarà forse per un eccesso di politically correct, ma a noi così è parso perlomeno.

«Lo scorso 29 aprile il vice Sindaco Stefano Coletta ha rassegnato le dimissioni dall’incarico ricevuto il 7 luglio 2017.

Come noto, la coalizione formata dal Partito Democratico, Visione Comune e Siamo Martina, scelta dai cittadini per amministrare la città è impegnata, sin dall’inizio del suo mandato, nell’affrontare le diverse questioni amministrative con tutta la sua energia.

Un compito preciso dato dagli elettori che, al termine di una campagna elettorale molto complessa hanno chiesto, con il proprio voto, di continuare l’articolata opera iniziata sin dal 2012 per dar vita a una Martina più libera e più moderna.

Le questioni poste in essere nella lettera di dimissioni meritano una attenta e responsabile analisi da parte degli organi politici.

Per questo è stato intrapreso un serio percorso di confronto e approfondimento che coinvolge l’intera maggioranza consiliare, finalizzato a riaffermare l’azione riformista dell’Amministrazione comunale, nel pieno rispetto del mandato popolare e con la partecipazione di tutti i protagonisti.

Infine, è importante precisare che l’attività dell’azione amministrativa continua senza sosta, considerato anche l’approvazione da parte del Consiglio Comunale e della Giunta riguardo la programmazione prevista per l’anno in corso».

 

Redazionale

Agorà

Blog e mensile cartaceo dei trulli e delle cummerse di Locorotondo. Ci occupiamo di attualità, politica, società e tanto altro...

error: Riproduzione Riservata