Recupero Sottovilla di Locorotondo. Al via i rilievi e le indagini tecniche preliminari

LAVORI PUBBLICI

Gli interventi iniziati, riguardano l’area soggetta a cedimento nel marzo scorso…

 

Novità per quanto riguarda il recupero del sottovilla comunale! A distanza di mesi (era il 2 marzo scorso) dal cedimento del suolo sottostante il balconcino di Villa Garibaldi, sembra che la situazione sia ad un punto di svolta. Sono infatti iniziati nei giorni scorsi le indagini e i rilievi propedeutici all’intervento di messa in sicurezza sul sito.

A seguito dell’approvazione della variazione di bilancio del luglio scorso, infatti, l’Amministrazione Comunale ha reperito i fondi per l’esecuzione dei lavori di ripristino della scarpata. Gli interventi, secondo i tecnici del Comune, dovrebbero essere completati entro il 31 ottobre 2018, mentre gli incarichi per le indagini e i rilievi preliminari sono stati assegnati con Determine di Settore LL.PP, a fine agosto scorso.

Ma quali sono e a chi sono stati affidati questi interventi propedeutici? Le attività di “Progettazione Esecutiva, Direzione Lavori, Coordinamento per la sicurezza in fase di progettazione e di esecuzione, emissione di certificato di regolare esecuzione degli interventi” sono state affidate al Dott. Ing. Roberto Mastromattei, con lo stanziamento di una somma complessiva di 10.220,77 euro. Sarà invece il Dott. Geologo Gianfranco Moro ad occuparsi della Relazione Geologica e delle indagini geognostiche, propedeutiche alla progettazione esecutiva. Per tale incarico sono stati stanziati 2.488,80 euro di risorse comunali. Per l’esecuzione di un sondaggio geognostico a carotaggio continuo, invece, è stata incaricata la TARAS PALI, per il cui contributo sono stati destinati 2.684,00 euro.

Ricordiamo che, il crollo del terreno sottostante il balcone di Villa Garibaldi con molta probabilità, era stato causato da infiltrazioni d’acqua, con il cedimento quasi certamente favorito dal gelo e dalle basse temperature di quei giorni. In conseguenza di ciò, l’area alle spalle del Monumento ai Caduti di tutte le Guerre era stata dichiarata inagibile, per poi essere transennata ed interdetta all’accesso al pubblico per tutta l’estate (così come lo è tutt’oggi). Tale situazione ha creato diversi malumori fra i cittadini e naturalmente ha surriscaldato il dibattito politico nel corso di questi mesi, con le opposizioni che, a più riprese, hanno sollecitato l’Amministrazione Comunale ad intervenire, affinché si recuperasse la piena fruibilità dell’area.

Come avevamo preventivato prima dell’estate, difficilmente i lavori sarebbero stati cantierizzati prima dell’inizio della bella stagione: le difficoltà logistiche e tecniche dell’intervento, oltre alla mancata disponibilità di risorse immediate, aveva fatto presagire a tempi non brevi.

Una volta completati i rilievi sul sito e la progettazione, si procederà poi alla pubblicazione del bando, all’assegnazione dei lavori e alla loro esecuzione, con gli interventi che dovrebbero essere completati (salvo imprevisti) fra l’autunno e l’inverno prossimi.

Orazio Perillo

Agorà

Blog e mensile cartaceo dei trulli e delle cummerse di Locorotondo. Ci occupiamo di attualità, politica, società e tanto altro...

error: Riproduzione Riservata