Giovanni Custodero, il guerriero sorridente che ha commosso lo Sport e non solo…

SOLIDARIETÀ

La decisione dell’ex portiere di essere sedato per alleviare il dolore, causato dalla malattia…

 

Un guerriero che combatte il male con tutte le sue forze, ma senza perdere mai il sorriso. È la storia del giovane Giovanni Custodero di Pezze di Greco, frazione di Fasano.

Era portiere di calcio a 5 in C2, quando gli è stato diagnosticato nel 2015 un sarcoma osseo.

Nel corso di questi anni ha comunicato lo stato della sua malattia, dispensando straordinari messaggi sull’importanza della vita.

Un “guerriero sorridente” proprio come era riportato sulle magliette indossate dai giocatori del Lecce, prima del match contro la Juventus lo scorso ottobre al Via del Mare.

Tante di quelle t-shirt con la scritta “smiling warrior” e l’elmo spartano, sono state vendute per raccogliere fondi da destinare alle sue cure.

Tanti gli interventi a cui il guerriero sorridente è stato sottoposto, fra cui l’amputazione di una gamba.

“Eccoci arrivati alla battaglia finale, siamo io e lui, uno davanti all’altro e lo guardo in faccia – è apparso scritto sulla sua pagina social, lunedì 6 gennaio –. Capisco che è forte dell’energia con la quale l’ho nutrito in questi anni, mentre io sono ormai stanco. Ho deciso di trascorrere le feste lontano dai social ma accanto alle persone per me più importanti. Però, ora che le feste sono finite, e con loro anche l’ultimo granello di forza che mi restava, ho deciso che non posso continuare a far prevalere il dolore fisico e la sofferenza su ciò che la sorte ha in serbo per me”.

La decisione, quindi, di essere sedato per alleviare il dolore causato dalla malattia.

La famiglia, prendendo atto delle attestazioni di vicinanza, ha redatto una piccola nota chiarificatrice nelle ore seguenti: “Giovanni è vivo, sta semplicemente dormendo per alleviare tutti i dolori che accusa. Ieri ha voluto rendervi partecipi di questa situazione per ricevere parole di conforto e sostegno, ma per favore abbiate rispetto per la famiglia e per un ragazzo che è tra noi…”.

La sua storia, in queste ore, viene riportata sulle principali testate giornalistiche nazionali e sportive.

Redazionale

Agorà Blog

Blog e mensile cartaceo dei trulli e delle cummerse di Locorotondo. Ci occupiamo di attualità, politica, società e tanto altro...

error: Riproduzione Riservata