LocorotondoSportUltime news

Il duo Rosato-Smaltino sulla panchina della Virtus

L’INTERVISTA DOPPIA

Via Maggiore, si opta per i giovanissimi preparatori

 

di Ambrogio Giacovelli

 

 

Cambio della guardia per la Virtus Locorotondo. La cura Maggiore non è, purtroppo, riuscita a dare buoni frutti ai rossoblu, bloccati in zona retrocessione, e così la dirigenza ha deciso di affidare la squadra al giovanissimo duo Rosato – Smaltino, già preparatori del nostro team.

La scossa è servita e i risultati sono subito evidenti: in tre match il Loco è riuscito a conquistare due vittorie (in casa col Castellaneta e in trasferta a San Vito) e un buon pareggio contro il più quotato Capurso.

Non posso nascondere un’emozione particolare nel poter raccontare qualcosa dei due, dopo aver passato un importante pezzo di vita insieme tra i banchi di scuola (e già all’epoca si respirava la genuinità del loro carattere con perle come “uagnù ù pallon ié fac’l!” – trad.: “ragazzi il calcio è semplice!”), così abbiamo deciso di raggiungerli con un’intervista doppia.

Nome:

GR: “Gianluca Rosato”.

CS: “Claudio Smaltino”.

Squadra del cuore?

GR: “Il magico Bari”.

CS: “Ovviamente Juventus”.

Giocatore preferito?

GR: “Il Pibe de Bari, Antonio Cassano”.

CS: “Alex Del Piero. Era difficile non innamorarsi di lui negli anni ’90”.

Quale giocatore del Bari porteresti a Locorotondo? Quale della Juve?

GR: “Sono soddisfatto dei nostri ragazzi e mi fido di loro ma, se proprio devo, scelgo sua maestà Ciccio Brienza per la sua qualità tra le linee”.

CS: “Viste le sue abilità, direi Cristian Galano, il Robben della Puglia. Dalla Juve Sami Khedira, per la quantità e l’equilibrio che riesce a dare al centrocampo”.

Modulo preferito?

GR: “Sono nato col 4-4-2, ma poi sono rimasto influenzato dal 4-2-4 di Antonio Conte e Giampiero Ventura. Attualmente faccio parecchio riferimento al 4-3-3”.

CS: “Il 4-3-3 con tutte le sue diverse varianti. Come spettacolo offerto e opportunità offensive è quello che preferisco”.

Quale allenatore ti ha ispirato di più?

GR: “Mi ripeto, Conte e Ventura. Ultimamente però ho stima per Fabio Grosso, per la gestione dello spogliatoio e per come fa giocare la squadra”.
CS: “Max Allegri. Nonostante abbia visto Marcello Lippi, Carlo Ancelotti e Fabio Capello, è quello che mi ha impressionato maggiormente”.

Anche il Bari ha avuto un duo di allenatori qualche anno fa. Chi tra voi si sente più Alberti e chi Zavettieri?

CS: “Lascio rispondere Gianluca, il più grande tifoso del Bari in Puglia [ride]”.

GR: “Magari a Claudio piace più parlare di tattiche in fase offensiva, mentre a me stuzzica di più la fase di non possesso e gli schemi su calcio piazzato. Quindi lui Alberti e io Zavettieri”.

Cosa significa per un curdunnese allenare a Locorotondo?

GR: “Significa tantissimo, è un orgoglio e un onore. Non è facile, abbiamo il compito di portare la nostra bandiera in giro per la Puglia, è stimolante”.

CS: “Sicuramente è una forte emozione e un grosso incentivo a impegnarsi a fondo. Abbiamo una grande responsabilità e non vogliamo deludere i tifosi”.

Obiettivo salvezza o anche più sù?

GR: “Viviamo alla giornata, domenica dopo domenica. Cerchiamo di vincere ogni partita senza vedere la classifica”.

CS: “Guardando alla stagione finora direi obiettivo salvezza, ma ci toglieremo delle soddisfazioni prima della fine del campionato”.

La gente è con voi, come ci si sente?

GR: “Ce ne siamo accorti già dalla prima panchina. Ci fa molto piacere”.
CS: “Sentiamo la fiducia del pubblico e vogliamo ricambiare nel migliore dei modi con delle ottime prestazioni”.

Locorotondo è un punto di arrivo o di partenza? Cosa sogni per il tuo futuro?

GR: “E’ una fortuna, stiamo vivendo un sogno alla nostra età. Un punto di partenza, ma importante, non tutti possono permetterselo, siamo privilegiati. Nel mio futuro mi piacerebbe continuare ad allenare”.
CS: “Un po’ entrambe le cose. Dopo anni passati nello staff è stata una bella sorpresa poter dirigere la prima squadra. Allo stesso tempo però vedo questa occasione come un punto nevralgico per la mia carriera”.

Salutate i tifosi.

GR: “Ciao ragazzi, continuate a sostenerci, sia in casa che in trasferta. Un abbraccio”.

CS: “Un saluto a tutti, ci vediamo allo stadio”.

 

Agorà Blog

Blog e mensile cartaceo dei trulli e delle cummerse di Locorotondo. Ci occupiamo di attualità, politica, società e tanto altro...

Lascia un commento

Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro

AGORÀ BLOG ESISTE GRAZIE ALLA PUBBLICITÀ

Abbiamo riscontrato che utilizzi un’estensione “ad-blocker” nel tuo browser per il “blocco delle pubblicità”. La nostra piccola testata giornalistica sopravvive grazie al contributo che ci forniscono le realtà produttive che hanno deciso di fare qui la loro pubblicità.

Se ritieni i nostri contenuti interessanti da leggere, ti chiediamo cortesemente di disattivare il “blocco delle pubblicità” oppure aggiungi “Agorà Blog” alla lista dei siti consentiti.

È molto semplice: basta solo cliccare l’estensione dell’ad-blocker in alto alla tua destra, disabilitandola (ed eventualmente ricaricando semplicemente la pagina web, ma il più delle volte non occorre). Grazie!

il team di Agorà Blog

Powered By
100% Free SEO Tools - Tool Kits PRO
error: Riproduzione Riservata