Parola al presidente Nicola Felice: «Ci sarà da divertirsi anche quest’anno»

CALCIO A 5/SERIE C1

Intervista al numero uno dell’Itria Football Club che illustra le novità della nuova stagione sportiva

 

di Orazio Perillo

 

Nuova stagione per l’Itria Football Club, il club di calcio a 5 che quest’anno disputa il campionato regionale di Serie C1. A tal proposito abbiamo intervistato il presidente del sodalizio, Nicola Felice, per scambiare alcune impressioni e presentare le novità del progetto.

Presidente Felice, è partita la nuova stagione sportiva. La squadra allestita è ambiziosa e competitiva come dimostrato già nelle prime uscite stagionali. Quali gli obiettivi?

«La nostra è una società giovane, nata nel 2018 e che rappresenta due importanti realtà dal passato prestigioso, quali Cisternino e Locorotondo. L’obiettivo è quello di approdare nell’arco di tre-quattro anni in un campionato nazionale quale quello di Serie B.

Nella scorsa stagione avevano sposato il nostro progetto anche calciatori con un passato in Serie A, per questo in estate abbiamo puntellato l’organico con innesti mirati: è arrivato il portiere Mattia De Simone, che ha già giocato nel Cisternino in A, e siamo fieri di aver inserito in prima squadra tre elementi provenienti dall’Under 19. La squadra è competitiva ed in molti ci danno per favoriti. Puntiamo almeno ai Play Off anche se un pensierino alla vittoria del campionato lo facciamo».

Sul fronte societario come stanno rispondendo le realtà imprenditoriali al progetto Itria Football?

«Il contributo degli sponsor è fondamentale per una realtà come la nostra. Non è facile trovarne ma le aziende stanno premiando la nostra serietà e valutando positivamente il lavoro fatto. Quest’anno avremo il contributo anche di nuove realtà imprenditoriali, che ringrazio di cuore. Inoltre sono lieto di comunicare che il nuovo main sponsor sarà “il Relais Il Santissimo”. Abbiamo definito l’accordo con l’imprenditore Antonio Valentini che ringrazio sentitamente. La squadra prenderà il nome Il Santissimo Itria Football Club».

L’Itria F.C. è nato come un progetto comprensoriale, che ha unito le forze e vuol rappresentare un intero territorio, mettendo al bando qualsiasi resistenza campanilistica. A che punto è questo progetto?

«Io personalmente continuo a credere in questo progetto territoriale. Non è stato facile lo scorso anno far recepire alla gente quello che era il nostro intento. Restano sempre un po’ di campanilismo e rivalità, soprattutto nella tifoseria organizzata.

Speriamo ritorni l’entusiasmo e con sé anche il tifo organizzato. Di certo non ci sta venendo a mancare l’apporto della gente: nello scorso campionato il palazzetto è stato quasi sempre pieno. Quest’anno poi registriamo un boom di abbonamenti e sarà bellissimo vedere il Pala Todisco pieno: lo sarà per noi ma anche per gli stessi atleti».

Vuole lanciare un messaggio ai tifosi…?

«L’appello è proprio quello di riempire gli spalti del palazzetto e continuare a seguirci e sostenerci. L’apporto dei tifosi per noi è importante e sono convinto si divertiranno anche quest’anno».

[Foto di Edicola Loco]

Agorà

Blog e mensile cartaceo dei trulli e delle cummerse di Locorotondo. Ci occupiamo di attualità, politica, società e tanto altro...

error: Riproduzione Riservata