Alberobello, vince il concorso di Comandante della Polizia Locale ma decade l’assunzione

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO

Risultato vincitore del concorso ma non assunto. Il dott. Martino: «Il vero pasticcio dopo l’insediamento della nuova Amministrazione…»

 

Pubblichiamo integralmente la nota del dott. Domenico Martino, diffusa alle testate giornalistiche del territorio. Di seguito.

 

“Precisiamo: hanno portato a dichiarare la decadenza del diritto di assunzione!” afferma il Dott. Domenico Martino dopo la pubblicazione dei contenuti della determina dirigenziale n. 123 dell’11/11/2022 sulla testata “La Piazza”. I contenuti dell’atto amministrativo, infatti, a detta dell’interessato, sarebbero falsati dalla mancata conoscenza di quanto accaduto prima del citato provvedimento e che, per dovere di cronaca, vanno enucleati.“

Tutto è iniziato il 22 aprile scorso” spiega il Dott. Martino. “Dopo essere risultato vincitore del concorso pubblico per Comandante presso il Comune di Alberobello, l’amministrazione allora vigente non ha potuto procedere alla mia assunzione perché non era stato approvato il bilancio e nonostante le dimissioni del Sindaco del momento (poi revocate), l’atto non fu approvato in tempo. Preciso che avevo anche presentato la lettera di licenziamento dal mio incarico di Comandante presso il Comune di Rosarno – dove esercito la mia professione da diversi anni – per prendere servizio presso il Comune di Alberobello. Il vero pasticcio, però, è accaduto a giugno, dopo l’insediamento della nuova amministrazione rappresentata dal Sindaco Francesco De Carlo. Sin da subito, infatti, mi è stata prospettata la mancanza di disponibilità a farmi prestare servizio presso altri Comuni se non per un solo giorno a settimana impedendomi così di fatto di portare avanti il lavoro intrapreso presso altre piccole (e non!) realtà. Inoltre mi veniva proposto un incarico di posizione organizzativa con un’indennità variata in negativo rispetto a quella da me percepita all’epoca dei fatti. Fu comunque stipulata una convenzione per tre mesi, scaduta il 31 luglio scorso, della quale – ad oggi – non ho ancora percepito il rimborso delle spese di viaggio e in più ho dovuto rimettere io di tasca mia quanto da loro non corrisposto per la posizione organizzativa. In seguito fui convocato per la sottoscrizione del contratto in data 25 agosto, ma io ero in malattia in quanto il giorno 9 dello stesso mese avevo subito un’aggressione durante il mio lavoro presso gli Uffici del Comando di Rosarno.

A tal proposito voglio anche sottolineare come nessuno abbia mostrato un minimo di vicinanza al sottoscritto per l’accaduto se non il Sindaco stesso una sola volta. Avendo ovviamente presentato tutta la documentazione necessaria a sostegno della mia assenza alla convocazione, fui invitato a presentarmi nuovamente in data 3 settembre ma, con mia grande sorpresa, non c’era nessuno ad accogliermi. Essendo andata deserta la nuova opportunità di sottoscrivere il contratto, chiesi comunque formalmente di sapere quando mi sarei dovuto presentare. Alla mia richiesta, però, è seguito un lungo silenzio interrotto il 25 ottobre scorso quando mi veniva comunicato che avrei dovuto prendere servizio il 28: 3 giorni dopo! È evidente che la comunicazione inviata non rispetta assolutamente i “congrui tempi di anticipo” e, inoltre, la data scelta coincideva con quella di un Convegno nazionale della Polizia Locale a Cosenza al quale partecipavo come relatore – circostanza di cui il Comune di Alberobello era ben a conoscenza dapprima perché era stato invitato all’evento dalla società! Voglio precisare che anche nell’ultima convocazione per il 28 ottobre, il Comune di Alberobello ribadiva che al sottoscritto sarebbe stata corrisposta un’indennità di posizione organizzativa minima, il che risulta ridicolo visto che già il bando prevedeva una riserva di esperienza di almeno 3 anni!

Considerato, poi, che personalmente esercito la professione di Comandante già da 17 anni, non posso certo essere considerato “una scatola chiusa” come qualcuno ha tenuto a dire, tanto più che il mio nome ha spesso circolato non solo nell’ambiente di appartenenza ma anche sui giornali per i risultati conseguiti dopo l’espletamento di particolari operazioni. Tanto premesso non credo proprio si possa dichiarare la mia decadenza all’assunzione, tanto meno con la motivazione essermi presentato alla convocazione per la sottoscrizione del contratto di lavoro e per non aver trasmesso la documentazione integrativa necessaria all’assunzione. Piuttosto, invece, vicenda presuppone la volontà di indurre alla decadenza il quadro della di tale assunzione… e adesso lavoro per gli avvocati per il recupero di quanto dovuto e per il risarcimento dei danni morali e materiali.”

[Foto in evidenza dalla pagina Fb di Alberobello Informatissimo]

Alberobello, decadenza dell’assunzione del Comandante di Polizia Locale. La replica della maggioranza








 

Agorà

Blog e mensile cartaceo dei trulli e delle cummerse di Locorotondo. Ci occupiamo di attualità, politica, società e tanto altro...

error: Riproduzione Riservata