Valle d'ItriaFocusPolitica

Martina Franca. I pini di Villa Garibaldi costantemente monitorati dal 2021

AMBIENTE

Alberi di piazza Marconi potati per evitare rischi alla pubblica incolumità

 

A seguito del “Censimento delle alberature” effettuato nel 2021 la situazione degli alberi di Villa Garibaldi in area limitrofa a corso Italia, ed in particolare per l’albero abbattuto di recente, è stata “oggetto di rilevamento e monitoraggio svolto nel tempo al fine di verificare l’evoluzione dell’incrinatura naturale della pianta e l’eventuale sollevamento della zolla”. Lo riferisce la relazione del responsabile del servizio verde pubblico del Comune di Martina, il perito agrario Antonio Raguso.

Gli alberi sono stati sottoposti nel tempo a “numerosi interventi di potatura, rimozione del secco, di rami spezzati e abbattimenti”. Nella fattispecie del pino segnalato “trattandosi di alberatura pregevole sia per le dimensioni che per il luogo di ubicazione, prima di addivenire al suo abbattimento sono stati effettuati numerosi approfondimenti che hanno portato alla rimozione” eseguita “nella consapevolezza di non avere soluzioni alternative”. Stessa soluzione è stata adottata per un altro albero.

Viene evidenziato nella relazione del responsabile del servizio verde pubblico che“il censimento del verde e delle alberature è in costante aggiornamento” e “le manutenzioni, abbattimenti, sostituzioni e nuovi impianti sono in costante esecuzione”. Infine il responsabile del verde pubblico ha comunicato che ulteriori alberature di pregio “saranno oggetto di analisi più approfondite nel corso dell’anno”.

Nel periodo ottobre 2022-marzo 2023 sono proseguiti, come prassi, interventi di potatura delle alberature comunali”. Fra questi gli alberi di piazza Marconi la cui potatura ha suscitato alcune critiche e segnalazioni a seguito delle quali il responsabile del servizio verde pubblico, perito agrario Raguso ha redatto una relazione nella quale spiega che a seguito delle nevicate del 2015 “per scongiurare eventuali danni a persone e cose, le piante prospicienti corso Italia sono state interessate da interventi incisivi che hanno di fatto portato alla potatura di tutte le branche secondarie”. L’area di piantumazione “è interessata da elevato traffico sia veicolare, anche di tipo pesante costituito essenzialmente da pullman di linea, sia da notevole presenza di persone per la concomitante ubicazione nei pressi di un edificio scolastico, con oltre 1000 scolari, nonché di un luogo di culto anch’esso altamente frequentato. Sia piazza Marconi che piazza Cristo Re sono luoghi di aggregazione giovanile anche nelle ore serali”.

L’ultimo intervento di potatura effettuato dalla società cooperativa L’Arca “ha portato all’eliminazione dei soli ricacci/succhioni lunghi dai 2 ai 4 metri, sottili e deboli, secchi nella parte iniziale, intervento disposto in quanto il notevole peso di tali chiome, formate da un intreccio di sottili ricacci, a seguito di piogge o neve rischiano di appesantirsi con il risultato di rovinare al suolo e costituire pericolo per la pubblica incolumità”.

Infine, l’agronomo Nicola Melucci, su richiesta dell’azienda affidataria del servizio di manutenzione del verde urbano di Martina, la società cooperativa L’Arca, ha effettuato una consulenza. Nella relazione dell’agronomo si legge che “la potatura poliennale degli alberi (ossia mediamente ogni 4/5 anni) implica necessariamente tagli più grossi e interventi di potatura più marcati dovendo ridurre la chioma in modo da minimizzare le interferenze con le infrastrutture urbane e il traffico veicolare nonché per garantire la pubblica e privata incolumità”.

[Fonte Comune di Martina Franca]

 

Agorà Blog

Blog e mensile cartaceo dei trulli e delle cummerse di Locorotondo. Ci occupiamo di attualità, politica, società e tanto altro...

error: Riproduzione Riservata